To top
3 Feb

Risotto alla barbabietola: una rosa sorpresa !!

Quante volte al supermercato abbiamo visto nel banco frigo le enormi confezioni di barbabietole rosse pensando spesso “bleah”

Diciamoci la verità: in Italia a differenza che nel Nord Europa dove questo piatto spopola in mille gustose ricette la barbabietola  o rapa rossa non incontra il favore dei più.  Noi spesso l’abbiamo mangiata in insalata notando sempre un gusto troppo dolciastro che dopo un po’ diventa stucchevole.

Niente paura, oggi vi proponiamo una ricetta che abbiamo testato per voi e che non solo vi sorprenderà ma vi farà fare anche una bella figura con ospiti ed amici quando lo porterete in tavola lasciando tutti a bocca aperta per il suo colore insolito e sgargiante: un bel rosa acceso.

Pink risotto in arrivo…buon appetito!!

RISOTTO ALLA BARBABIETOLA ( 4 PERSONE)

Riso Carnaroli: 350 gr

1 Cipolla piccola

Barbabietole 200 gr ( mettetene 250 se volete un sapore ed un colore più intenso)

Vino bianco: 1 bicchiere abbondante

Burro : 50 gr

Brodo vegetale: 1, 5 lt

Parmigiano ( a vostro gusto e piacere)

PROCEDIMENTO

Preparate innanzitutto il brodo.

Tagliate le barbabietole , frullatele con il minipimer aggiungendo 2/3 cucchiai di brodo e mettete da parte la crema ottenuta.

Nel frattempo fate rosolare la cipolla con il burro, appena la cipolla sarà dorata aggiungete il riso e gradualmente il brodo continuando a mescolare.

Unite il bicchiere di vino e fatelo sfumare continuando a mescolare con il brodo fino a quando il riso non sarà finalmente cotto.

Al termine della cottura versate nella pentola il purea di barbabietole precedentemente preparato e mescolate, dopodiché aggiungete il parmigiano a vostro piacimento coprendo il tutto e facendo mantecare il  riso per 5 minuti.

Per guarnire il vostro piatto tagliate qualche pezzetto di barbabietola e distribuitelo sul riso, un ciuffo di prezzemolo per conferire colore e per finire un buon vino bianco ed il pranzo è servito!!

 

 

Alessandra Cuscianna
No Comments

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.