To top
10 Giu

Petali rossi immersi in campi di grano: il papavero

Papaveri al tramonto

Eccoci qua tornati alla nostra rubrica “Il linguaggio dei fiori” e come avete già visto dal nostro articolo/citazione di inizio Giugno non potevamo non sommergervi di una distesa di papaveri rossi.

Sul papavero ci sono storie, filastrocche, canzoni spiritose noi abbiamo deciso d’iniziare questo articolo con una piccola storia che ci insegna  quanto la diversità e semplicità spesso vengano snobbate finchè  non si trova chi ci vede come persone uniche nel loro genere e apprezzate in tutta la nostra bellezza! Chiedetelo alle spighe di grano…

La leggenda del papavero rosso

 

papavero_in _mezzo_alle spighe di grano

Il papavero in mezzo alle spighe di grano

 

Un giorno tutti i fiori del prato si svegliarono e iniziarono a giocare. In mezzo a loro sbocciò anche un fiore strano: era tutto rosso, con i pistilli neri. Il suo nome era Papavero e anche lui voleva giocare con gli altri. Ma era troppo diverso da loro, così gli altri non lo consideravano proprio ! Allora il povero papavero andò alla ricerca di nuove amicizie; arrivò così in un campo di grano e chiese alle spighe se poteva restare a giocare con loro. Le spighe dissero di si e fu così che, da quel giorno, ogni papavero nasce nei campi di grano.

 

Curiosità sul papavero

Dettaglio_papaveroPapavero è il nome comune di un genere di piante erbacee appartenente alla famiglia delle Papaveraceae. Di questo genere fanno parte circa 125 specie diverse tra cui, la più nota, è il Papavero comune o Rosolaccio (Papaver rhoeas). Questa specie è molto diffusa anche in Italia e cresce generalmente nei campi dissodati e sui bordi delle strade e delle ferrovie. La pianta di Papavero fiorisce da maggio a luglio e la raccolta si effettua nelle prime ore del mattino quando i fiori sono ben aperti. In genere si raccolgono i petali durante la fioritura e la capsule quando sono ancora verdi e prive di semi. I petali e i semi del Papavero hanno blande proprietà sedative.
Il Papavero è un fiore abbastanza semplice ed è stato da sempre oggetto di leggende e credenze popolari. Nella mitologia si narra che il Papavero fosse il fiore della consolazione. Questo significato deriva da un episodio legato alla figura di Demetra, la Dea dei campi e dei raccolti. Si racconta, infatti, che la dea abbia riacquistato la sua serenità, dopo la scomparsa della figlia, solo dopo aver sorseggiato infusi prodotti con i fiori di Papavero.

Durante la prima guerra mondiale, in Gran Bretagna, si producevano ghirlande di papaveri che venivano usate per celebrare e ricordare i soldati caduti per la patria. Oltre al significato di consolazione al Papavero viene attribuito anche quello di semplicità. In altri casi e in altri luoghi il Papavero assume altri significati minori tra cui lentezza, dubbiosità, sorpresa, storditezza, sonno eterno, oblio e immaginazione.

Nel linguaggio dei fiori il papavero è simbolo dell’orgoglio sopito, della consolazione, ma anche della semplicità.

Bisogna ricordare sempre, poi, che il papavero, come gli altri fiori, può assumere diversi significati a seconda del colore dei suoi petali:

  • la varietà con petali bianchi simboleggia la sfortuna;
  • in presenza di petali gialli è un augurio di successo;
  • i petali rosa suggeriscono la serenità.
  • il papavero rosso rappresenta i motivi tradizionali del sonno e dell’oblio qui ricordati precedentemente.

Qualche suggerimento pratico? E’ un fiore da regalare a qualcuno in crisi d’amore: un bell’incitamento a reagire! Da evitare, invece, come omaggio floreale a persone troppo stravaganti: sembrerà un mal celato invito alla sobrietà.

 

Sara Falciani
No Comments

Leave a reply