To top
5 Lug

La sindrome del principe azzurro

snow-white-933491_960_720

Oggi articolo unisex per voi e sicuramente molte interessanti considerazioni  da leggere con attenzione e su cui riflettere, perché diciamocelo: ci sono cose che tutte noi sappiamo da sempre ma fino a quando non le troviamo scritte nere su bianco preferiamo non vedere tappandoci occhi, bocca, naso ed orecchie!!

L’argomento è di quelli che scottano e riguarda la ricerca dell’anima gemella: il sogno dei sogni o forse l’impresa delle imprese!!

Noi donne (nessuna ma proprio nessuna esclusa) siamo tutte delle inguaribili romantiche. Alcune lo ammettono apertamente, altre invece preferiscono nascondere il loro lato più sensibile dietro lo scudo dell’indipendenza salvo poi risultare anche più “fragili” di chi, invece, esterna i propri sentimenti con più semplicità ma su una cosa siamo tutte uguali: fin da bambina coltiviamo il mito del principe azzurro, ossia dell’uomo perfetto che ci capisce ancora prima che noi parliamo, che ci legge nel pensiero ed esaudisce tutti i nostri desideri, che è dolcissimo e pieno di premure ma nello stesso tempo forte e deciso, che è serio ma ci fa ridere, che è sempre presente quando abbiamo bisogno di lui, che è colto e ci  segue per musei ma anche abbastanza paziente per accompagnarci nei nostri folli pomeriggi di shopping, che rinuncia alla partita di calcetto con gli amici per passare la serata sul divano con noi ma naturalmente ci fa uscire per un te ed un po’ di gossip con le nostre amiche …insomma uno di quegli uomini che neanche il genio della lampada di Aladino con tutta la buona volontà riuscirebbe a trovare nell’intera galassia per  presentarcelo. Man mano che passano gli anni la maggior parte delle principesse crescono, toccano la realtà con mano, capiscono che la vità è fatta di carbone,  con una passaggio all’inverso si trasformano in Cenerentola e trovano , prima o poi, una persona piacevole ma “umana”. C’è poi invece una categoria di donne che resta imprigionata nella bolla di sapone dell’infanzia, per carità bellissima, trasparente come cristallo e piena di sfumature colorate eppure così pericolosa tanto da isolare ed impedire ogni contatto sano e maturo con la realtà. Queste donne continuano a pensare che il supereroe descritto sopra esista per davvero  e le stia cercando disperatamente per tutta la galassia perché l’uomo perfetto non si accontenta di una qualunque…non scherziamo!!

A seconda dell’età questo “superuomo” avrà il volto di Terence, Dylan, Edward, Ridge, Paolo Maldini se sono sportive ma mai e ripeto proprio mai, quello dell’inquilino della porta accanto.

Ebbene se vi state riconoscendo nel secondo prototipo di donna prima di cadere in depressione sappiate due cose:

  1. siete in buona compagnia perché le principesse eternamente sognanti in circolazione sono tante;
  2. la vostra visione dell’uomo non è frutto di immaturità cronica ma ha una causa ben precisa della quale voi non avete neanche colpa perché soffrite di una sindrome che a lungo andare può diventare pericolosa : la sindrome del principe azzurro!

princess-914869_960_720

All’inizio dell’articolo abbiamo scritto che questo pezzo avrebbe interessato proprio tutti perché se è vero che sono le donne a soffrirne direttamente è altrettanto vero che anche gli uomini ne vengono colpiti seppur indirettamente perché di fronte ad alcune donne saranno costretti a confrontarsi per mesi, anni o una vita intera con uomini idealizzati a tal punto da essere più evanescenti di un fantasma  o lottare con dei veri e propri mulini a vento invincibili perché non reali proprio come quelli del povero Don Chisciotte.  Un problema molto serio per tanti uomini che spesso si troveranno di fronte a donne mai soddisfatte, sempre nervose, frustrate, aggressive ma soprattutto tristi e deluse…insomma, come potete capire facilmente,  le premesse ci sono tutte per mandare all’aria anche la storia più solida!
Care donne, leggete e prendete appunti anche perché noi siamo le prime a prendercela e mettere il muso quando il compagno di turno, come tutti gli uomini del pianeta, sognando ad occhi aperti dice di voler trovare una donna alta 180 cm, con 150 centimetri di gambe lunghe, affusolate e molto toniche, la pancia piatta e tartarugata, il sedere di Belen ed una quarta di reggiseno. Tutte noi siamo capaci di essere gelose della modella su un calendario di carta ma poi torturiamo psicologicamente  il nostro partner perchè non è l’uomo bionico. Non gli diamo alcuna chance per poi capire quando è troppo tardi che forse quell’uomo riusciva a fare una magia ben più grande: farci sentire tranquille e serene dentro.
Ma vediamo ora quali sono i terribili SINTOMI di questa sindrome…mettetevi sedute, mi raccomando!
1) Si tende a cercare un uomo che presenti le stesse caratteristiche del proprio padre. Ci troviamo di fronte, in questo caso, al tipico complesso di Elettra. Molte donne non riescono a staccarsi dalle attenzioni e dal senso di estrema protezione ricevuto dalla figura paterna e condannano i propri uomini a continui paragoni che non sono né giusti, né sensati dal momento che il rapporto tra padre e figlia nasce su basi molto diverse e che non implicano il concetto di attrazione, tanto per cominciare! Se lo fate anche voi per uscirne ricordate che il vostro papà è stato prima di tutto un uomo che a sua volta si sarà sposato con la figlia di qualcun altro ed avrà avuto i suoi bei problemi da risolvere;
2) Le relazioni in genere non durano a lungo perché si tende a rimproverare il proprio compagno per ogni minima stupidaggine ed a prendersela per qualcosa che hanno notato solo loro. In questo caso però prima di prendersela bisognerebbe essere più obiettive e considerare a 360 gradi  i sacrifici che il compagno fa per noi senza dare sempre tutto per scontato anche perchè dobbiamo ammettere che quando un uomo è innamorato rendere felice e serena la sua donna non solo è anche quello che vuole lui ma soprattutto per lui sarà un piacere e mai un dovere. Ficcatevelo in testa : QUANDO UN UOMO E’ INNAMORATO LA VOSTRA FELICITA’ SARA’ AL PRIMO POSTO PER LUI perchè la vostra felicità significherà benessere ed armonia per la coppia. E vi pare poco?
3) Si ha in genere una visione molto negativa degli uomini che vengono considerati tutti uguali senza speranza di poterne incontrare uno diverso che le faccia ricredere sull’intero genere e che le faccia innamorare;
4) Si preferiscono  inconsciamente  uomini sposati o che vivono in posti lontani e ci si fissa  pensando davvero che siano giusti”. In realtà anche se non è bello dirlo si ha una grandissima paura di affrontare una storia reale ed “in carne ed ossa” anche se…il fascino dello straniero colpisce sempre.
5) Si prova un gran senso di solitudine e si entra in un tunnel di sensazioni davvero contrastanti che spinge da una parte a sentire un gran bisogno di avere qualcuno accanto ma dall’altra a non accontentarsi del primo che passa rinunciando ai propri spazi ed ad una libertà ed indipendenza di cui in fondo in fondo si va fieri perchè conquistata spesso anche a suon di lacrime e di “no grazie….avanti il prossimo”!!
Se siete arrivate a leggere fino a questo punto vi chiediamo come sta andando? 
Tutto ok  o qualche mal di pancia in corso?
Qualcuna starà ridendo a crepapelle pensando a se stessa o all’amica di sempre, mentre qualcun’altra starà fissando l’appuntamento con lo psicologo ma in ogni caso sappiate una cosa: meglio prendere consapevolezza del problema perchè un problema che si conosce si può risolvere mentre non vale il contrario.
Alla fine nessuna di noi può passare la sua vita continuando a baciare rospi nella speranza che l’incantesimo svanisca ed il nostro bel principe salti fuori, ad un certo punto bisognerà essere realiste e cambiare direzione o per meglio dire….sceglierne una perchè molto spesso il problema più grande in fatto di uomini è proprio questo: non si sa che “pesci prendere”, passatemi l’ironia neanche tanto sottile!!

 

Ho ingoiato tanti di quei rospi che tra loro deve esserci finito pure il principe azzurro. (Chiaralaltra, Twitter)

 

 
texture-1361065_960_720
SOLUZIONI??
 La prima cosa da fare in questi casi è cambiare approccio!
Regola numero uno: non bisogna cercare l’uomo perfetto  (che non esiste) ma l’uomo giusto (che magari abbiamo già conosciuto non degnandolo di uno sguardo perchè “troppo normale” per noi).
Rileggete queste parole perchè la chiave è tutta qui…non perfetto ma giusto anche perchè , udite udite ( a parte non esistere) chi potrebbe garantirvi che quella perfezione sia poi così giusta per voi? La perfezione a lungo andare annoia e comunque tende a nascondere quelle  sfumature imprevedibili ed a volte impalpabili che caratterizzano una persona e che ci spingono ad innamorarci di lei piuttosto che di un’altra donna/uomo proprio per quel dettaglio che a volte vediamo solo noi!
Regola numero due: quando qualcuno ti piace dagli veramente modo di farsi conoscere per quello che è e questo significa dargli fiducia e non giudicarlo troppo severamente. Una persona che si sente accettata si lascerà andare più facilmente mostrando anche lati del carattere in genere più nascosti. Se invece il tuo atteggiamento sarà troppo rigido otterrai l’effetto contrario perchè costringerai lui a portare una maschera per rispondere alle tue esigenze, per non deluderti, per fare in modo che tu sia orgogliosa di lui ma a lungo andare la situazione degenererà perchè ad un certo punto le maschere cadono e sia tu che lui vi troverete a confrontarvi con due perfetti sconosciuti…è questo che vuoi?
Ricorda un’altra cosa: anche il ragazzo più innamorato quando sarà stanco ti abbandonerà per fidanzarsi con una ragazza molto più normale, meno carina, non tanto intelligente, sicuramente poco brillante e tanto anonima.
Tu resterai scioccata da cotanta banalità , leccherai la ferita del tuo orgoglio ripetendoti che alla fine lui evidentemente non meritava molto di più e che tu eri sprecata per lui ma , cara mia, sarai ancora lontana dalla verità che proprio non vuoi accettare:  l’altra ragazza non ti ha rubato proprio nessuno, sei stata tu e solo tu a regalarle il tuo lui. Rispetto a te lei non l’avrà fatto sentire sempre sotto esame ma probabilmente l’avrà apprezzato per quello che è!
Quindi ragazze mie, torniamo TUTTE con i piedi per terra e sforziamoci di ammettere che molto spesso il problema è dentro di noi. Il principe azzurro è la proiezione dei nostri desideri più nascosti e lo desideriamo per il semplice fatto che non esiste perchè noi donne siamo maestre nel volere sempre quello che non si può avere e nessuno provi a sostenere il contrario!!!
Siete consapevoli che nel caso incontrasse davvero il principe azzurro alla fine trovereste difetti pure in lui?

 

È che le donne non cercano semplicemente il principe azzurro. Dev’essere azzurro tonalità acquamarina pantone 322 esadecimale. (Zziagenio78, Twitter)

 

Gli uomini, ricordatevelo, anche quelli apparentemente super convinti  ( della propria bellezza o del proprio cervello) non sono e non saranno mai sicuri di sè quindi anche se a volte ti sembrerà superfluo fallo un complimento in più, ed anche se tu sei effettivamente  “Wonder Woman” , riesci a fare tutto da sola e sconfiggere anche gli alieni e le forze del male durante la notte lascia che per una volta lui ti porti la busta della spesa, ti cambi la guarnizione della macchina del caffè e ti venga a prendere alla stazione e dopo un litigio, cara donna bionica, magari prova a a capire che tanti errori che lui ha fatto nascono dalla frustrazione di non sentirsi mai alla tua altezza.
Insomma l’amore non è una corsa ad ostacoli ma deve essere piuttosto una staffetta ….ci si aiuta nel momento in cui l’altro è più stanco ma correndo nella stessa direzione per raggiungere un unico traguardo e sul podio si sale insieme perchè come dice il proverbio: “una gioia condivisa  è una gioia moltiplicata”!
Voi non potete neanche immaginare i miracoli che un complimento in più può fare, anzi…fatemi un favore : PROVATECI e sarete sbalordite dalle conseguenze perchè gli uomini sono terribili…notano e ricordano ogni minimo dettaglio in questo caso.
Quindi nessun incantesimo e pozione magica: UN COMPLIMENTO IN PIU’ E LA PILLOLA VA GIU’!! 
Bene , a questo punto pur potendo continuare per ore ed ore tocca salutarci qua con un ultimo consiglio o autoconsiglio: non cerchiamo il principe azzurro che essendo un personaggio di fantasia non esiste e quindi perderemmo in partenza ma impegniamoci , piuttosto, a cercare una persona seria, leale e genuina ( vi assicuro che questa è la vera impresa) con la quale vivere, ridere, dividere e condividere ed a quel punto facciamo in modo che diventi il nostro principe. Capito il trucco? Nessuno nasce principe ma un uomo che si sentirà amato e rispettato di sicuro lo diventerà ( la Bella e la Bestia)

 

Se non trovate il principe azzurro, la soluzione è prendere un tipo a caso e verniciarlo. (unFabbioAcaso, Twitter)

 

ed a quel punto e senza alcun dubbio : VISSERO TUTTI FELICI E CONTENTI….anche il cavallo!!
fairy-tales-877250_960_720

 

Alessandra Cuscianna
No Comments

Leave a reply